Sei in: Beni culturali > Social > Patrimonio artistico > In tutta Italia, siamo allo sfascio del nostro pat...
Beni culturali

In tutta Italia, siamo allo sfascio del nostro patrimonio artistico

Il Paese è in rovina, ma questa Pompei senza innocenti dobbiamo ricostruirla. Siti a rischio? In Italia, i nostri figli, altro che patrimonio artistico vedranno una civiltà scomparsa.
di Giovanni Pivetta
13 dicembre 2013

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato

Trattamento dei dati
Ai sensi della legge 675/96, con la sottoscrizione del presente modulo di iscrizione si acconsente al trattamento dei dati personali. I dati acquisiti verranno trattati con la massima riservatezza e per le sole esigenze legate all'adempimento del servizio richiesto. Titolare dei dati è Habitalia, Via Quintino Sella 28/B, 20900 Monza, Monza Brianza.
http://www.habitat-italia.it/social/13-12-2013/news/tutta-italia-siamo-allo-sfascio-del-patrimonio-artistico/

IL PAESE È IN ROVINA,
MA QUESTA POMPEI SENZA INNOCENTI DOBBIAMO RICOSTRUIRLA

Non si ricorda mai abbastanza che gli abitanti di Pompei non sapevano che quelli fossero i loro ultimi giorni, altrimenti sarebbero scappati per salvare la pelle. Adesso la citazione serve a definire la soglia di un disastro, e mi pare che il nostro Paese (all’evidenza non da solo, all’evidenza parte di una crisi planetaria in cui si smazzano le carte economiche e di conseguenza politiche in un percorso scivoloso, all’evidenza quello con il governo più screditato in circolazione) non si sia fatto mancare niente in questi anni balordi.

Balordi perché tutto è andato indietro, salvo le stock options di una classe dirigente, intesa non solo come casta politica di maggioranza e opposizione ma un po’ come esito di tutte le caste, nessuna esclusa. Il cratere insomma è essenzialmente culturale, concerne il livello della nostra identità e del nostro modo di stare al mondo.

SITI DEL PATRIMONIO ARTISTICO A RISCHIO IN ITALIA?
I NOSTRI FIGLI, SE NON FACCIAMO NULLA, VEDRANNO UNA CIVILTÀ SCOMPARSA

Le prossime Pompei … Crolli di monumenti e siti archeologici che feriscono il patrimonio culturale italiano e che ogni volta lasciano a terra secoli di storia. Come un domino cadono tutti, uno dopo l’altro. Le mura Aureliane, la Domus Aurea e il Colosseo a Roma, il Castello di Macchiagodena in Molise, la Casa dei gladiatori a Pompei. A stilare una classifica delle prossime Pompei ci si perde in una lista senza fine. Quanti sono i siti a rischio? Tutta Italia, siamo allo sfascio, bisogna accendere un faro su tutte le situazioni critiche dell’Italia delle belle arti, da Nord a Sud.
A partire da Ercolano e Pompei, sino ad arrivare alla villa Zeno al Donegal a Cessalto (Treviso), dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’umanità perché è una delle ville venete disegnate da Andrea Palladio e che da decenni non riceve le giuste cure.

In Patrimoniosos.it, portale a difesa dei beni culturali e ambientali, potete trovare l’elenco di più di 800 pagine dei beni inventariati e prezzati dall’Agenzia del Demanio (Supplemento G.U. n. 183 del 6.8.2002). Inoltre, una sezione sui Beni in pericolo aperta alle vostre segnalazioni.

COMMENTA L'ARTICOLO
«In tutta Italia, siamo allo sfascio del nostro patrimonio artistico»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *