Sei in: Ambiente > Territorio > Rischio idrogeologico > L’Italia è un paese che frana
Ambiente

L’Italia è un paese che frana

Il rischio idrogeologico è un fenomeno diffuso e penetrante nell'intera nazione italiana. Abusivismo edilizio, cementificazione selvaggia e disboscamento sono solo alcune delle infelici pratiche che non hanno fanno altro che aumentarne la portata.
di Redazione
13 dicembre 2013

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato

Trattamento dei dati
Ai sensi della legge 675/96, con la sottoscrizione del presente modulo di iscrizione si acconsente al trattamento dei dati personali. I dati acquisiti verranno trattati con la massima riservatezza e per le sole esigenze legate all'adempimento del servizio richiesto. Titolare dei dati è Habitalia, Via Quintino Sella 28/B, 20900 Monza, Monza Brianza.
http://www.habitat-italia.it/ambiente/13-12-2013/news/dissesto-idrogeologico-italia-paese-che-frana/
Abusivismo, incuria e idiozia: i mali del territorio italiano

Il dissesto idrogeologico è un fattore di rischio che interessa in maniera penetrante l’Italia, considerando il fatto che 2 comuni su 3 ne sono colpiti. Fenomeni come l’abusivismo edilizio, il disboscamento, la cementificazione selvaggia e l’agricoltura intensiva contribuiscono ad aumentarne la portata e la diffusione.
Secondo i dati del C.N.R. (Consiglio Nazionale delle Ricerche), tra il 1950 e 2012 si sono registrate 1.061 frane e 672 inondazioni. Nel 2012 il F.A.I. (Fondo Ambiente Italiano) e il WWF hanno pubblicato un rapporto intititolato “TERRA RUBATA – Viaggio nell’Italia che scompare” e il quadro che viene dipinto è tutt’altro che piacevole. Di seguito alcuni dati proposti:

Il ritmo di consumo del suolo è di 75 ettari al giorno e nei prossimi 20 anni la superficie occupata dalle “aree impermeabilizzate” crescerà di 600mila ettari all’incirca.
Perchè si generino 2,5 cm di suolo occorrono circa 500 anni contro i 10 secondi che impiega una ruspa a rimuoverli.
In Italia sono stati perpetrati dal 1948 a oggi 4,5 milioni abusi edilizi, a fronte di tre condoni edilizi negli ultimi 16 anni (1985, 1994 e 2003).
Un ettaro di suolo non cementificato trattiene spontaneamente fino a ben 3,8 milioni di litri d’acqua.

Gli intereventi in Italia per combattere il dissesto idrogeologico o non sono stati fatti oppure effettuati nei modi e nelle logiche sbagliate. In un’intervista fatta a Massimo Gargano, Presidente dell’Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni, questi afferma “La nostra proposta 2012 indicava 2.943 interventi per un importo di 6.812 milioni di euro. Nel 2013, il numero degli interventi proposti è cresciuto del 13,9%, per un importo complessivo di circa 7.409 milioni di euro, vale a dire un incremento pari ad 8,7%. Ancora più significativo è però il confronto con il 2010, anno del nostro primo report: gli interventi necessari sono cresciuti del 144,9% e la spesa del 77,1% a testimonianza di una situazione idrogeologica del Paese in costante peggioramento”.

COMMENTA L'ARTICOLO
«L’Italia è un paese che frana»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.